STU REGGIANE CAPANNONE 17

Reggio nell'Emilia (RE)

Tipologia Edilizia civile, Ristrutturazioni, RestauriScuole, Impianti sportivi, Poli commerciali e industriali
Attività
Riqualificazione
Ristrutturazione
Valore (mIl/euro) 4,1
Periodo 2019 - 2020

  • CH STU REGGIANE 01
  • CH STU REGGIANE 02
  • CH STU REGGIANE 03
  • CH STU REGGIANE 04
UN POLO DI ECCELLENZA PER DISEGNARE IL FUTURO
Quando la città si trasforma e si rinnova

STU Reggiane SpA è la società partecipata dal Comune di Reggio Emilia e Iren Rinnovabili Srl che si occupa della riqualificazione dell'area delle Officine Meccaniche Reggiane, in particolare della realizzazione delle infrastrutture del Parco Innovazione, nuovo polo europeo al servizio delle imprese e della ricerca.

Oggetto dell'intervento di SICREA Group sono i lavori di riqualificazione architettonica e funzionale del Capannone 17 all'interno del comparto ex Officine Meccaniche Reggiane. Nel suo complesso l'area che, oltre al capannone 17 comprende un ulteriore capannone e altre zone di pertinenza, ha un estensione di circa 260.000 mq e attualmente è dismessa. Dal punto di vista dell'inquadramento territoriale e del contesto urbano si tratta di una zona con un elevata potenzialità di sviluppo.

Nelle immediate vicinanze si trovano edifici che rivestono il ruolo di importanti polarità nell'ambito dei serivizi pubblici della città di Reggio Emilia, come ad esempio  il Tecnopolo per la ricerca industriale o il Centro Internazionale per l'Infanzia "Loris Malaguzzi". Il capannone 17 andrà ad ospitare laboratori, incubatori e spin-off di imprese, con interesse verso programmi di ricerca e sviluppo relativi alla meccatronica, alla bio-architettura, al risparmio energetico e alle fonti di energia rinnovabili. Le realtà ospitate all'interno della struttura avranno modo anche di dialogare e attivare relazioni sinergiche con le vicine sedi dell'Università di Modena e Reggio Emilia, e con il Centro Internazionale "Loris Malaguzzi".

La riqualificazione architettonica e funzionale del Capannone 17 prevede il recupero e la valorizzazione della struttura industriale esistente secondo criteri di sostenibilità ambientale, flessibilità ed efficienza energetica (riduzione dei carichi termici per il riscaldamento delle strutture, impianti di climatizzazione a basso consumo e sistemi ad alto rendimento per la generazione dell'acqua calda), in linea con le esigenze delle aziende che vi si andranno ad insediare. 

La superficie complessiva del capannone è di 5.412 mq, con destinazione d'uso per usi terziari, culturali e di servizio. Le superfici del capannone recuperato saranno parzialmene all'aperto grazie all'apertura di cospicue parti di copertura, le quali renderanno possibile l'affaccio diretto, l'irraggiamento solare e l'aerazione naturale dei locali. Ogni unità immobiliare sarà dotata di ascensore di dimensioni adeguate all'accesso di persone diversamente abili, al fine di rendere accessibili tutti i piani.

Il capannone si sviluppa su 2 livelli e si innesta sulla maglia ortogonale dell’area delle Reggiane. In passato era adibito a lavorazioni industriali. Si affaccia ad ovest al Tecnopolo, mentre a nord confina col Capannone 18. 
Il capannone 17 è costituito dalla successione di sei “navate”: le prime cinque a partire dal lato nord costituiscono il “Lotto 1” oggetto del presente appalto, la porzione di edificio più alta sul lato sud costituisce il “Lotto 2”. 

L’edificio ha lunghezza totale di 92 m, larghezza pari a 66 m ed altezza massima di circa 13 m nel “Lotto 1” e  circa 18 m nel “Lotto 2”. Le strutture in elevazione sono costituite da pilastri in conglomerato cementizio armato e murature che sostengono le varie falde di copertura composte da capriate metalliche, orditura metallica e manto in pannelli ondulati di fibrocemento.  

L’appalto comprende i lavori di recupero delle facciate del fabbricato esistente e la realizzazione di nuovi fabbricati da adibire a uffici e laboratori. Sono comprese anche le lavorazioni per le sistemazioni esterne necessarie a dare piena funzionalità all’edificio comprendenti: la rete fognaria, la rete teleriscaldamento, le reti elettriche, dati e per impianti speciali oltre allacciamenti ai servizi, centrale termica e locali tecnici, sistemazione dei terreni, scavi e ripristini per tubazioni impianti, pavimentazione di accesso all’edificio, arredo urbano, illuminazione pubblica.

Il progetto consiste essenzialmente in tre macro interventi principali: 
  • demolizione dell’interno del capannone esistente, consolidamento e restauro conservativo delle facciate esterne
  • realizzazione dei nuovi edifici che ospiteranno le nuove funzioni
  • realizzazione di copertura della piazza interna con struttura in acciaio e rivestimento semitrasparente.
Le facciate esterne del fabbricato esistente saranno restaurate in modo conservativo mediante il recupero e il consolidamento dei paramenti murari.  I nuovi edifici saranno adibiti prevalentemente a uffici e sale riunioni e si configureranno in due blocchi addossati alle facciate esistenti che ne seguiranno il profilo, mantenendo la memoria del vecchio Capannone 17 anche nell’articolazione tipologica all’interno dello spazio pubblico centrale. 
Tutti i percorsi ottempereranno alle prescrizioni normative in materia di abbattimento delle barriere architettoniche e consentiranno l’accessibilità a tutti gli spazi ed ambienti. 

 
condividi
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Linkedin