TEATRO ALLA SCALA

Milano (MI)

Tipologia Edilizia civile, Ristrutturazioni, RestauriRealizzazioni impianti tecnologici, Manutenzione ed efficentamenti energetici
Attività
Adeguamento tecnologico
Ristrutturazione
Costruzione
Valore (mIl/euro) 61
Periodo 2003 - 2005

  • 32_Teatro alla Scala1_150424091405
  • 32_Teatro alla Scala3_150424091405
  • 32_Teatro alla Scala4_150424091405
  • 32_Teatro alla Scala5_150424091405
INNOVAZIONE E TRADIZIONE 

Dopo 30 mesi di intensi lavori, il teatro lirico più famoso del mondo ha riaperto i battenti il 7 dicembre 2004. Auspicato dalla sovrintendenza fin dall’inzio degli anni Novanta, il restauro del teatro non poteva essere rimandato oltre in quanto la struttura non era più rispondente alle normative di sicurezza.

L’intervento, in assegnazione attraverso il Consorzio Cooperative di Costruzioni di Bologna, in Ati con altre imprese, ha riguardato la riorganizzazione e il restauro conservativo dello storico teatro milanese e dell’ex-casotto Ricordi, sede del Museo del teatro alla Scala. In particolare, gli interventi di nuova edificazione hanno generato due volumi che sovrastano la struttura: un cilindro, destinato a servizi come i camerini, sale prova, sartoria e gli impianti di risalita - illuminati naturalmente grazie a un nuovo cortile, ricavato demolendo parte delle costruzioni presenti sul lotto - e un parallelepipedo in cui è stata ricavata la nuova torre scenica, alle spalle di due preesistenti torri per l’acqua che sono state salvaguardate.

I nuovi corpi di fabbrica dialogano tra loro grazie all’uso del botticino di color miele, che viene però usato diversamente: nella torre scenica scandita da piccole aperture, svolge il ruolo di rivestimento, così come sul fronte nord dell’ala servizi (dove è stato solcato da tagli verticali); nel corpo ellittico, diviene parte integrante dei brie-soleil.
condividi
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Linkedin