CAMPUS DEL CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO

Aviano (PN)

Tipologia Edilizia civile, Ristrutturazioni, RestauriRealizzazioni impianti tecnologici, Manutenzione ed efficentamenti energeticiOspedali, Case di cura, Edilizia sanitaria
Attività
Costruzione
Valore (mIl/euro) 6,5
Periodo 2013 - 2015

  • CampusCROaviano_web_01
  • CampusCROaviano_web_09
  • CampusCROaviano_web_10
  • CampusCROaviano_web_02
  • CampusCROaviano_web_06
  • CampusCROaviano_web_07
  • CampusCROaviano_web_03
  • CampusCROaviano_web_04
  • CampusCROaviano_web_05
UNA CASA PER I GIOVANI RICERCATORI DI ONCOLOGIA
Facility logistiche e spazi di lavoro adeguati alle esigenze di un Istituto di Ricerca che punta all’internazionalità

Primo esempio italiano del genere in ambito pubblico-oncologico, il campus del CRO di Aviano costituisce un investimento complessivo di circa 6,5 milioni di euro che proietta l’Istituto Nazionale Tumori in una dimensione internazionale. Questa struttura porta l’offerta di spazi di lavoro e ricettivo-didattici del CRO alla pari con i principali centri di ricerca e formazione del settore, facendosi punto di riferimento e snodo delle collaborazioni con il mondo degli IRCCS, della ricerca e accademico, ma anche del lavoro e dell’industria, nonché polo attrattivo per i giovani ricercatori, sia per quanto riguarda l’Italia che l’estero.

Il progetto coinvolge un’area di circa 38.000 mq, di cui 2.331 mq occupati dal fabbricato principale, per una superficie lorda calpestabile di 3.376 mq. La struttura, progettata dal noto architetto Paolo Portoghesi, asseconda lo stile degli edifici del territorio, riproponendo le forme e i materiali dell’architettura contadina locale.

SICUREZZA E RISPARMIO ENERGETICO
La mediazione tra l’obiettivo di un inserimento paesaggistico armonioso e le fondamentali esigenze contemporanee sui temi della sicurezza e del risparmio energetico si svolge a livello strutturale, tecnologico e di scelta e trattamento dei materiali. Sotto la rasatura pigmentata e i rivestimenti in pietra, la struttura prefabbricata rispetta i più aggiornati criteri antisismici. L’edificio è dotato di cappotto, spessori e isolamenti, infissi e serramenti a bassa trasmittanza e con dispositivi di regolazione automatica del sistema di condizionamento in base all’utilizzo, e in generale di un involucro atto a garantire l’inerzia termica, la coibenza e l’equilibrio igrometrico del complesso. Un sistema di riutilizzo delle acque grigie e meteoriche garantisce un risparmio fino al 70% di acqua potabile. Lo sfruttamento dell’esposizione al sole e il posizionamento dei locali sulla base della funzione completano l’efficientamento dell’edificio, rientrante in classe energetica A.

STRUTTURA
Il manufatto presenta tre corpi di fabbrica organizzati attorno a una corte centrale a formare una pianta a delta. Gli ambienti sono così distribuiti:
- Corpo centrale, a tre piani: reception e alloggi. Sono state realizzate 5 camere singole, 20 doppie e 6 mini-alloggi composti da zona bagno più soggiorno-cucina, per un totale di 57 posti letto. Un dispositivo automatico di sicurezza apre la serratura a badge delle camere in caso di mancanza di corrente elettrica.
- Ala Est, a un solo piano: spazi comuni di servizio (mensa, lavanderia, locali tecnici, zona fitness).
- Ala Sud, a un solo piano: area didattica.
La parte centrale del pianterreno, che collega strutturalmente i tre diversi organismi, individua spazi che costituiscono un raccordo funzionale per le attività previste nell’edificio: sala riunioni, soggiorno, esposizione, uffici, biblioteca.

ARREDI
L’arredo è parte integrante dell’appalto, pertanto tutti i locali sono stati consegnati completi e rifiniti in ogni loro parte. La caratterizzazione cromatica è calibrata sulla funzione degli spazi, con tinte e materiali sobri atti a creare un’atmosfera accogliente per gli alloggi e un ambiente più dinamico e colorato negli uffici. Si è scelto di differenziare uffici di ricerca e amministrativi con l’uso rispettivamente dell’arancione e del glicine.

COSTRUIRE IL BENESSERE DEI FRUITORI
In fase di progetto è stata riposta un'attenzione particolare al posizionamento di ambienti, servizi igienici, disimpegni e porte, al fine di garantire facilità di accesso agli spazi comuni alle persone con ridotta e impedita capacità motoria. Grande cura è stata prestata anche alla creazione di spazi atti a favorire il benessere fisico. Il grande parco circostante la struttura, seminato a prato e piantumato con sostanze arbustive verdi e fiorite, comprende un campo polivalente e un’area attrezzata per il barbecue. Un lungo “percorso vita” per le attività sportive e ricreative abbraccia l’area, snodandosi lungo tutto il perimetro del lotto.
condividi
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Linkedin