POLICLINICO MILITARE DEL CELIO

Roma (RM)

Tipologia Edilizia civile, Ristrutturazioni, RestauriOspedali, Case di cura, Edilizia sanitaria
Attività
Ristrutturazione
Valore (mIl/euro) 4,3
Periodo 2014 - 2017

  • 01_CH Celio
  • 02_CH Celio
  • 03_CH Celio
  • 04_CH Celio
  • 05_CH Celio
  • 06_CH Celio
  • 07_CH Celio
  • 08_CH Celio
  • 09_CH Celio
  • 10_CH Celio
  • 11_CH Celio
  • 12_CH Celio
  • 13_CH Celio
IL FERRO TRA PASSATO E FUTURO: UNA CURA PER L'OSPEDALE MILITARE

L’ Ospedale Militare del Celio, costruito su progetto dell’architetto Salvatore Bianchi e del colonnello del Genio Luigi Durand de la Penne tra il 1885 e il 1891, è una delle opere più innovative del XIX secolo in termini di linguaggio architettonico, dato l’abbondante ricorso al ferro e alla ghisa per la realizzazione. I manufatti in ghisa del Celio sono stati realizzati dalle fonderie trevisane "società veneta" nel 1886, in stile neoclassico, pur con un influsso eclettico, si compongono di elementi stilistici e decorativi di grande pregio. L’opera occupa un’area di 53.420 mq. ed è costituita da una serie di edifici, ovvero padiglioni, collegati tra loro da passerelle metalliche in ghisa, e da edifici di servizio per un totale di circa 30 fabbricati. Le passerelle che consentono ai pazienti di spostarsi da un edificio all’altro senza dover scendere le scale o passare attraverso altri reparti rappresentano la soluzione scenografica che favorisce la continuità tra i vari blocchi edilizi sparsi nel verde e l’edificio principale molto sviluppato in larghezza. La passerella, che si stacca dal grande emiciclo a due piani cui si accede appena superato l’ingresso principale, ha una lunghezza totale di 308 metri e una larghezza di 8 metri. SICREA Group si è occupata del restauro e risanamento conservativo dei manufatti in ghisa, ovvero delle passerelle e delle strutture ad esse collegate quali le scale ed i parapetti. L’intervento è stato effettuato mirando essenzialmente alla conservazione del bene inteso nel ripristino delle condizioni d’integrità e continuità della superficie, al fine di ristabilirne i valori estetici, funzionali, oltre che alla buona conservazione nel tempo delle caratteristiche proprie dei materiali e dei decori.
condividi
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Linkedin