News

Sociale
Varlin, Dipingere la vita

SICREA Group sostiene questa iniziativa prestigiosa.

Dopo il successo dell’antologica dedicata ad Antonio Ligabue in Palazzo Bentivoglio a Gualtieri (RE), che ha fatto registrare dati particolarmente significativi (oltre 37.000 visitatori e 2.500 cataloghi venduti), la sede espositiva ospiterà, dal 24 marzo al 10 luglio 2016, una mostra dedicata a Varlin, pseudonimo di Willy Leopold Guggenheim (Zurigo, 1900 - Bondo, 1977), uno fra i protagonisti più autentici della pittura del Novecento.   

Curata da Sandro Parmiggiani, la rassegna, realizzata in collaborazione con l’Archivio Varlin di Bondo (Svizzera), è la seconda iniziativa organizzata dal Comune di Gualtieri e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue, nata con lo scopo di dare vita, gestire e promuovere il Museo Antonio Ligabue e di valorizzare la figura dell’artista, oltre a organizzare eventi espositivi che servano a inquadrarne l’opera nell’ambito dell’arte italiana, europea e internazionale a lui coeva, presentando esperienze che non siano immediatamente etichettabili in tendenze o movimenti consolidati, ma che siano piuttosto riconducibile, come è avvenuto in Ligabue, a percorsi solitari.   

Il Salone dei Giganti dell’imponente edificio cinquecentesco di Gualtieri, sito in una delle piazze più suggestive d’Italia, accoglierà 39 opere di Varlin – 33 dipinti e 6 disegni e tecniche miste su carta, provenienti da collezioni private svizzere e italiane.    
Pochi autori sono stati in grado di unire, nelle loro opere, l’arte e la vita. Com’ebbe modo di ricordare lo stesso Varlin, “nella mia pittura cerco sempre l’umano”. È l’umanità dei perdenti, dei miserabili, dei semplici, dei vagabondi, quella che Varlin ritrae, sempre con ironia e con profonda pietà, attraverso un uso particolare del colore, steso su supporti (tele o tavole di legno) di cui talvolta lascia libere zone della superficie che diventano esse stesse fatto pittorico, e grazie a una gestualità rapida e nervosa, tutte caratteristiche che lo accomunano a un’ascendenza espressionista, in particolare nella pratica ritrattistica, che a Gualtieri si potrà cogliere in capolavori come “Heini Gantembein” (1953), “Livia” (1955), il “Ritratto di Hans Theler” (1963), il “Ritratto del prof. Corbetta” (1973), “Leni” (1973), nel “Ritratto di Giovanni Testori” (1971-72) e nell’“Ecce homo (autoritratto)” (1967).
È stato proprio Giovanni Testori a comprendere la grandezza dell’artista, di cui curò la mostra allestita alla Rotonda della Besana a Milano nel 1976; Testori frequentò assiduamente Varlin negli ultimi dieci anni di vita dell’artista e lavorò a un progetto espositivo, purtroppo mai realizzato, che prevedeva di presentare una triade di grandi protagonisti della pittura europea: Alberto Giacometti, Francis Bacon e Varlin.   

Qui il link al sito Arte.it
 


Ultimo aggiornamento: 23/03/16
condividi
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • Linkedin
potrebbero interessarti anche queste news
  • sociale

    Terremoto Centro Italia, un aiuto concreto

    SOLIDALIORA
    Per ogni “Ora Lavoro” donata da un dipendente, SICREA Group raddoppia l’importo con una donazione equivalente.
    Per aiutare concretamente le persone colpite abbiamo deciso di aderire da subito ad una campagna di raccolta fondi promossa da Legacoop Nazionale.

    Terremoto+Centro+Italia%2C+un+aiuto+concreto
  • sociale

    “Com a Cà”: capacità analitica e innovazione

    E anche quest’anno si è concluso Bellacoopia University 2016/2017, il progetto che consente ai giovani studenti di UNIMORE di mettere in campo il proprio talento. SICREA Group ha affiancato i ragazzi in qualità di tutor durante l’evento finale di presentazione del project work e relativa premiazione. Com’è andata a finire?
     

    %E2%80%9CCom+a+C%C3%A0%E2%80%9D%3A+capacit%C3%A0+analitica+e+innovazione
  • sociale

    Bellacoopia, Belle Idee!

    Un team di studenti universitari ha immaginato con noi un futuro possibile per SICREA Group.
    Bellacoopia University è un progetto nato per trasmettere i valori di socialità, mutualità, imprenditorialità e impegno civile attraverso la conoscenza dell’esperienza cooperativa.

    Bellacoopia%2C+Belle+Idee%21